COLLOQUE / ARCHITECTURE AND TOURISM. FICTIONS, SIMULACRA, VIRTUALITIES / ARCHITECTURE ET TOURISME. FICTIONS, SIMULACRES, VIRTUALITÉS

Du 7 au 9 septembre a eu lieu le colloque « La città, il viaggio, il turismo. Percezione, produzione e trasformazione »  à  Naples.

Le jeudi 7 septembre à 11h30, Caterina Franco  a présenté son travail intitulé «Tra immaginario e luogo reale. infrastrutture per il turismo di massa nelle Alpi occidentali. il caso dell’Alta Val di Susa»dans la session « Turismo, città e infrastrutture »

Résumé :

Il contributo proposto, che muove dalle ricerche condotte per una tesi di dottorato in architettura, riflette sul rapporto tra l’insediamento turistico e il suo contesto di inserimento, concentrandosi sul territorio alpino, regione che più di ogni altra ha subito nel XX secolo gli effetti di una “colonizzazione turistica” da parte del mondo metropolitano (Zanzi, 2004). Oggetto di studio sono le stazioni sciistiche realizzate ex-nihilo a partire dalla fine degli anni Cinquanta nelle Alpi italo-francesi. In questo tipo di operazione, specialmente nel caso in cui un singolo promotore (pubblico o privato) riusciva a garantire il controllo dell’intera proprietà fondiaria, gli architetti ebbero la possibilità di sperimentare non solo nuove tipologie abitative ma anche veri e propri modelli urbanistici (De Rossi, 2006), strutturati attorno alla pratica degli sport invernali.

In letteratura questi interventi sono stati letti spesso come esperimenti decontestualizzati, concretizzazione degli immaginari provenienti dalla civiltà urbana, che ha proiettato in montagna la propria idea di modernità. In questa sede, vogliamo analizzare con una logica comparativa due casi realizzati tra la fine degli anni Cinquanta e gli anni Settanta, entrambi in prossimità a un centro urbano: la stazione di Pila (Aosta), e la stazione di Chamrousse (Grenoble), attraverso due ipotesi. In primis, sul piano della concezione architettonica, sosteniamo che la sperimentazione avvenuta in montagna sia stata portatrice di innovazione e abbia avuto una ripercussione sulla cultura urbana. In secondo luogo, scegliamo di considerare gli insediamenti nella loro connessione a un territorio dotato di specificità geografiche, economiche e culturali: come si inserisce il nuovo insediamento turistico nel quadro delle attività che già erano esistenti nell’area (centri minerari e industriali, attività termale, agricoltura)? Come viene modificata la rete infrastrutturale territoriale in seguito alla creazione di un centro attrattivo ad alta quota? Come variano le connessioni tra “alto e basso”?

Oggi, la prossimità di una stazione sciistica ad un centro urbano stimola la riflessione su nuove possibili relazioni che vadano oltre il modello – in crisi- della stazione di soggiorno creatosi con il turismo di massa dei Trente Glorieuses e basato sulla netta separazione tra la “città del lavoro” e la “città del tempo libero”.

La ricerca vede nella conoscenza del processo storico un passaggio fondamentale per la formulazione di strategie per il futuro. Fonti principali sono alcuni documenti (disegni, mappe, testi) raccolti negli archivi di progettisti, enti locali e organismi statali coinvolti nelle operazioni di trasformazione del territorio alpino. Il materiale è stato analizzato attraverso gli strumenti propri dell’architetto, quali il ridisegno o la rappresentazione cartografica.

> Le programme
> Les actes