Séminaire / L’ARCHITETTO LETTORE

Le Centro Internazionale di Studio di Architettura Andera Palladio organisera le 30e séminaire d’histoire de l’architecture du 15 au 17 juin 2017, à Vicenza (Italie). Intitulé « L’Architetto lettore », ce séminaire propose de revenir sur le concept de l’architecte comme « lecteur actif ».

Dans le cadre de cette rencontre, Claire Rosset présentera une communication intitulée « “En relisant les vieux auteurs”. Dialogo tra architettore-autore et architettore-lettore ».

Résumé de la proposition :

L’architetto Albert Laprade (1883-1978) si iscrive in maniera significativa nel paesaggio editoriale francese dell’inizio del XXesimo secolo, in particolar modo, quando firma i numerosi articoli sulle riviste di architettura che trattano tanto dell’attualità della produzione quanto delle domande intrinseche ai dibattiti di quel tempo. Nel 1933, entra al comitato di redazione (sezione storica) della rivista L’Architecture d’aujourd’hui e scrive una rubrica che s’intitola « En relisant les vieux auteurs (Rileggendo i vecchi autori) ». Basandoci su questa serie di articoli pubblicati tra il 1934 e il 1935, ci interrogheremo sulla maniera in cui l’architetto-autore costruisce la figura d’architetto-lettore seguendo due assi :

    –      l’affermarsi di un radicamento storico nella pratica architettonica tramite la costruzione di una genealogia letteraria,

    –      l’iscrizione delle grandi opere di riferimento della cultura architettonica classica all’interno delle pubblicazioni moderne.

Attravero le pubblicazioni di Albert Laprade, analizzeremo :

    –      lo statuto e la forma peculiare degli articoli « En relisant les vieux auteurs » all’interno della rivista L’Architecture aujourd’hui,

    –      la maniera in cui l’architetto-autore rimanda ai riferimenti letterari, e la griglia di lettura che elabora per affrontare le opere citate,

    –      l’insegnamento che propone ai suoi contemporanei della rilettura dei testi classici.

Scrivendo sulle proprie letture, Albert Laprade si fa attore di esse ma, allo stesso tempo, fa delle sue letture un modo per essere attore della sua epoca. Affrontare l’architetto-lettore tramite l’architetto-autore permette di tornare sulle interazioni tra le opere di riferimento e il paesaggio editoriale moderno.

> Pour plus d’informations : le programme.